Conclusione e rieseme – Maja Gregl

25/07/2017 // news, Top news

zatvaranje1918° Festival Internazionale del teatro da camera Leone d’oro

Dopo l’argomentazione della giuria e la cerimonia di premiazione, si arriva alla conclusione che il premio è stato assegnato a due ambienti completamente diversi, ma uniti nella stessa missione: incoraggiare il mondo a perdonare, ad amare, alla comprensione e alla compassione. Il Gran Prix Leone d’oro è andato a Osijek, ed è un riconoscimento per tutto il Teatro di Osijek, con i suoi eccezionali attori che interpretano una straziante storia di guerra attraverso il romanzo autobiografico di Marijan Gubina. L’autore del testo, come un missionario, viaggia con l’ensemble e diffonde la pace, la tolleranza ed il perdono.

Il tema del festival era la maturità. Questa storia che ha lasciato il pubblico in un profondo silenzio rispettoso, è la prova degli sforzi sinceri del festival e del suo direttore artistico Damir Zlatar Frey, che il diciottesimo anno deve essere l’anno della comprensione degli altri, del diverso, del differente, dell’accettazione e rispetto reciproco.

L’elevato livello di qualità artistiche degli spettacoli di diverso genere, dai drammi psicologici alle commedie, eseguiti sia da gruppi teatrali che in interpretazione monodrammatica, hanno stimolato la ricerca di una scoperta più profonda del mondo in cui viviamo, perché proprio la compassione, la connessione, l’armonia di vita e la fiducia in se stessi, dovrebbero essere costruiti sulla fiducia in quello che vediamo in scena. La libertà come pure una vita migliore, dovrebbero essere parte integrante della vita di ogni individuo, e quest’anno abbiamo visto il pubblico, come quello dei tempi antichi, lasciare il teatro arricchito e purificato delle emozioni provate. La gioia di vivere è sempre dentro di noi, eterna e immutabile. La prova è, che lo spettacolo La notte di Helver, eseguito dal Teatro Prešeren di Kranj, è stato valutato dal pubblico con il punteggio massimo.

Il pubblico ha avuto anche la possibilità di accomodarsi nella sala grande e godere del divertente e spiritoso racconto dell’ indimenticabile addio al nubilato e sentirsi parte integrante con il cast dello spettacolo eseguito dal Teatro popolare istriano di Pola e secondo il successo teatrale di Dave Simpson.

Attendendo il nuovo, 190 Festival,

Maja Gregl
Presidente della giuria

I commenti sono chiusi.