Lacrime amare di Petra Von Kant – 28/06/2017 in 21:00

08/06/2017 // Spettacoli 2017

151121 Grenke solze Petre von Kant_foto.miha.fras.524, malaRainer Werner Fassbinder
Lacrime amare di Petra Von Kant
(Die Bitteren Traenen der Petra von Kant)
Dramma di manipolazione emotiva

Regia: Arthur Nauzyciel
Scenografia: Riccardo Hernandez
Luci: Scott Zielinski
Costumi: Gaspard Yurkievich
Musica: Beno Gec
Maschere: Empera
Lettruce: Laura Brataševec
Assistente alla regia: Juš A. Zidar
Assistente scenografo: Tine Tribušon

Ruoli:
Petra von Kant: Helena Peršuh
Valerija von Kant (sua madre): Milena Zupančič
Gabrijela von Kant (sua figlia): Urška Taufer
Sidonija von Grasenabb (l’amica): Medea Novak
Karin Thimm (il suo amore): Arna Hadžialjević
Marlena (sua aiutante): Vesna Vončina

Al centro del dramma “Lacrime amare di Petra Von Kant” vi è la stilista Petra Von Kant, che vive con Marlene, sua assistente e domestica, che esegue tutti gli ordini e sopporta tutti i suoi capricci e insolenze senza fiatare. Quando Petra si innamora dell’l’affascinante Karin, questa si trova subito in capo della gerarchica del triangolo. Petra vuole Karin solo per sé, ma Karin vuole soltanto approfittare della ricchezza di Petra.

Rainer Werner Fassbinder, un auto-proclamato “enfant terrible” del cinema tedesco, è stato uno dei pochi registi che si è trovato spesso sulle prime pagine dei tabloid. In 15 anni ha girato più di 40 film (molti sono diventati dei classici, tra cui “Il commerciante delle quattro stagioni”, “Lacrime amare di Petra Von Kant”, “Tutti gli altri si chiamano Ali”, “La legge di Maria Braun” e il film monumentale “Berlin Alexanderplatz”, secondo il romanzo di Döblinov) e ha scritto drammi e diverse fiction televisive. Nelle sue opere ha cercato di smascherare l’ipocrisia della società borghese tedesca da cui – a causa della propria omosessualità – si sentiva sempre escluso. E stato accusato di misoginia, tradimento e antisemitismo, il dramma “Lacrime amare di Petra von Kant” è stato giudicato dai critici come opera omofobica ed ostile alle donne.

Più informazioni: www.sng-ng.si

I commenti sono chiusi.